Impara Excel Come e Quando Vuoi Tu

Benvenuto ad una nuova lezione di MasterExcel. In questa lezione vedremo come creare un grafico a dispersione avanzato. Prima di iniziare ti chiarisco cosa si intende per grafico a dispersione avanzato. Si tratta di un grafico a dispersione in cui vengono inserite due serie e due assi verticali. Inoltre, in questa lezione Excel, andremo anche ad inserire una funzione avanzata: la linea di tendenza.

Guarda il Video – Grafico a Dispersione Avanzato

 

Creazione del Grafico (Semplice)

Come sempre utilizzeremo un file di esempio, visibile nell’immagine sottostante:

Grafico-a-dispersione-avanzato

 

Spostiamo i nostri dati di esempio mostrati nell’esempio sottostante:

Grafico-a-dispersione-avanzato-02

 

Selezioniamo  tutti i nostri dati, ora divisi in tre colonne distinte. Andiamo sulla barra Multifunzione> INSERISCI> GRAFICO A DISPERSIONE, come nell’immagine sottostante:

Grafico-a-dispersione-avanzato-03

 

In questo modo abbiamo creato il nostro grafico a dispersione:

Grafico-a-dispersione-avanzato-04

 

Complimenti! Hai appena creato il grafico a dispersione! Ora però dobbiamo modificarlo ed inserire due assi verticali e le linee di tendenza.

Creazione del Grafico Avanzato

Il nostro scopo ora, è quello di aggiungere un altro asse che mostri il nostro “carico”. Vediamo come fare.

PASSO 1: facciamo un doppio click sul nostro grafico per aprire le opzioni di modifica. Ora clicchiamo uno dei punti blu che rappresentano i dati sul “carico”.

PASSO 2: selezioniamo l’opzione “Asse secondario”, che troviamo nell’etichetta raffigurante delle colonne, come nell’esempio sottostante.

Grafico-a-dispersione-avanzato-05

 

In questo modo verrà aggiunto un secondo asse al nostro grafico a dispersione avanzato.

PASSO 3: clicchiamo sul grafico e sul + alla sua destra. Si aprirà un menu a tendina dove dovremo spuntare il riquadro “linee di tendenza”.

Grafico-a-dispersione-avanzato-06

 

Nel successivo prompt selezioniamo “potenza”. Ripetiamo il procedimento e stavolta, prima dell’apparizione del prompt, dovremo cliccare sulla freccia a destra dell’opzione “linee di tendenza”, per poi selezionare “altre opzioni”. Ora selezioniamo “carico” e premiamo “ok”.

PASSO 4: clicchiamo su una delle due linee che abbiamo creato. Si aprirà un nuovo menu nel quale potremo modificare le linee di tendenza che abbiamo creato nel nostro grafico a dispersione avanzato. Selezioniamo l’andamento, nel mio caso “Polinomiale”, poi spuntiamo l’opzione “Visualizza l’equazione sul grafico” e “Visualizza il valore R quadrato sul grafico”.

Grafico-a-dispersione-avanzato-07

 

PRECISAZIONE: ricorda che parliamo di punti sperimentali, quindi se gli hai presi con uno strumento difettoso e ottieni risultati diversi da quelli teorici, sappi che la colpa non è di Excel.

PASSO 5: ripetiamo il passo precedente con la nostra seconda linea di tendenza.

PASSO 6: torniamo alle opzioni delle linee di tendenza e all’opzione “Polinomiale”. Qui aumentiamo il valore “Ordine” fino a quando il valore R2 non risulterà pari a “1”.

Puoi osservare il risultato finale nell’immagine sottostante:

Grafico-a-dispersione-avanzato-risultato

 

CONCLUSIONI

Come puoi vedere, non è complicato creare un grafico a dispersione avanzato. Ti consiglio di approfondire con le lezioni di statistica disponibili sul mio corso Excel base (clicca qui).