Il Miglior Sito Italiano Per Imparare Excel

Benvenuto ad una nuova lezione di MasterExcel.it. In questa lezione vedremo il calcolo dell’IVA con Excel. O meglio come scorporare l’IVA (calcolare il netto dell’IVA) e come addizionarla (il lordo).
Vai direttamente all’argomento che ti interessa usando i link sottostanti:

01. Addizione IVA

02. Scorporo IVA

03. Ammontare IVA

Guarda il video: Calcolo IVA Excel

 

 

Ecco il nostro file esempio:

calcolo-iva-excel

 

Partiamo prima con il calcolo più semplice, addizionare l’IVA con Excel.

01. Addizione l’IVA Excel

Per aggiungere l’IVA ad un valore, la formula da utilizzare avrà un aspetto simile:

=A2*D2+A2

Dove in A2 abbiamo il valore a cui vogliamo addizionare l’aliquota IVA, e in D2 abbiamo l’IVA espressa in percentuale. Quindi dobbiamo semplicemente selezionare il nostro valore senza IVA, moltiplicarlo per la percentuale dell’IVA, in questo caso il 22%, e infine sommarli il nostro valore senza IVA. Il risultato è visibile nella cella “3B”.

 

02. Scorporo IVA Excel

In questo caso la formula è leggermente più complessa. Te la mostro subito:

=B3/(1+D2)

Dove B3 è il valore da cui vogliamo scorporare l’IVA, e D2 è sempre il nostro valore d’IVA espresso in percentuale. Quindi, sostanzialmente abbiamo selezionato il nostro valore, e l’abbiamo diviso per: 1 sommato la percentuale di IVA, ossia 1,22. Perché l’IVA è al 22%. Fosse stata al 4% sarebbe stato diviso 1,04.

PRECISAZIONE: le parentesi sono fondamentali! In caso contrario otterremo un risultato errato. Il motivo lo dovresti capire autonomamente se hai seguito la mia precedente lezione sulla logica BODMAS, usata da Excel.

In secondo luogo è fondamentale assicurarci che la cella contenente al nostra percentuale di IVA, sia in formato percentuale.

scorporo-iva-excel

 

In caso contrario, non potremmo applicare la formula che abbiamo appena visto.

03. Ammontare IVA Excel

E se noi volessimo calcolare l’esatto ammontare dell’IVA pagata in Euro? In questo caso abbiamo due vie davanti a noi. La prima è molto intuitiva: facciamo una sottrazione tra il prezzo lordo e il prezzo netto.

Nel nostro esempio la formulare sarebbe una cosa del genere:

=B:B-A:A

La seconda via è più complessa e più efficiente, e consiste nel calcolare nuovamente la percentuale d’IVA per ciascun valore e, se il valore è il lordo sottrarla.

NOTA BENE: è facile confondersi!
La formula nell’immagine sottostante è quella da applicare al prezzo al netto dell’IVA. Non al prezzo lordo!

iva-percentuale

Non ho fatto altro che selezionare il nostro valore al netto dell’IVA, e moltiplicandolo per la percentuale d’IVA, la cella bloccata con i simboli del dollaro. Quinti ho trovato il 22% del valore netto, che equivale all’ammontare dell’IVA in euro.

PRECISAZIONE: un errore piuttosto comune è quello di eseguire il calcolo appena visto sul prezzo lordo. Questo è sbagliato!

Il calcolo da applicare per determinare l’ammontare dell’IVA in euro partendo dal prezzo lordo, sarebbe:

=B:B-B:B/(1+$D$2)

Dove praticamente sottraiamo al prezzo lordo il prezzo al netto dell’IVA.

 

Attenzione!

  • Le formule che hai appena visto funzionano solo se l’IVA è espressa in percentuale.
  • Non dimenticarti di applicare i simboli del dollaro per bloccare le celle.
  • Non fare confusione tra il prezzo lordo ed il prezzo netto.
  • Assicurati di applicare l’aliquota IVA corretta! L’IVA cambia con il tempo, a seconda della merce venduta, e varia nei vari paesi, che potrebbero anche avere zone a tassazione agevolata (e.g.: Azzorre, Madeira). Inoltre, non si dovrebbe applicare per transazioni B2B.