Impara Excel Come e Quando Vuoi Tu
Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Benvenuto ad una nuova lezione di MasterExcel.it. In questa lezione vedremo come eseguire un interpolazione lineare su Excel, in particolare usando la formula per la interpolazione lineare. Se sei a digiuno di statistica leggi: Interpolazione Lineare.

Detto in poche parole, interpolare i dati vuol dire prevedere un possibile valore non conosciuto. Ovviamente usare l’interpolazione lineare implica che i dati seguano un andamento lineare, il che non è sempre vero.

Guarda il video: Interpolazione Lineare Excel

 

Come esempio useremo gli stessi dati utilizzati nella lezione precedente sulla regressione lineare.

interpolazione lineare excel

L’interpolazione lineare serve a trovare un valore ignoto, partendo dai nostri valori noti. Possiamo anche rappresentare il valore interpolato all’interno di un grafico. Ciò significa che, quando andremo ad fornire un nuovo valore per la variabile indipendente, ed a prevedere il corrispettivo valore per la variabile dipendente, non faremo altro che andare su e giù per la retta mostrata nel grafico.

Per fortuna Excel possiede già la formula per eseguire un interpolazione lineare. Ovvero:

PREVISIONE

Selezioniamo una cella vuota e inseriamo la funzione “=PREVISIONE”. A questo punto dovremo fornire un nuovo valore X. Selezioniamo la cella “B14”. Ora dovremo selezionare la Y, o meglio, tutti i valori noti della Y. Ovvero l’intervallo B2:B13. Successivamente, occorre selezionare tutti i valori noti della X, quindi intervallo A2:A13.
Per farti comprendere meglio come utilizzare la formula, puoi fare riferimento all’immagine sottostante.

interpolazione lineare formula

Premiamo Invio e osserviamo il nostro risultato finale.

interpolazione lineare excel 2

La formula Previsione ci ha appena consentito di prevedere un valore grazie ai dati forniti.

Noterai qualche discordanza. Per nuovo valore fornito sull’asse delle X (cella A14 – valore 66,47) la funzione previsione prevede il valore 96,27 (sto arrotondando – cella B14). Mentre i dati reali per lo stesso valore sull’asse delle X (66,47) ci forniscono il valore 96,5 sull’asse delle Y. Perché?

Questo è normale. I dati seguono un andamento lineare, e ciò non significa che siano perfettamente allineati. La funzione Previsione traccia la migliore retta interpolante e ti fornisce i punti su di essa, ma come puoi vedere chiaramente dal grafico, i punti sono sono esattamente sulla retta, sono molto vicini, ma non esattamente sopra.

Quindi se trovi qualche differenza tra i dati reali e quelli teorici, è normale.

Conclusioni

Precisazione: la funzione previsione non prevede il futuro. Prevede i valori se l’andamento è lineare. Inoltre occorrerebbe fare il calcolo dell’errore per sapere di quanto questa previsione si possa sbagliare, ma questo argomento va ben oltre lo scopo di questa lezione.

Per approfondimenti:
Funzione Previsione Excel

Noi ci vediamo nella prossima lezione dove tratteremo la curva Gaussiana su Excel.

 


Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •