Impara Excel a Casa Tua - 100% Online

Benvenuto ad una nuova lezione di MasterExcel.it. In questa lezione ci occuperemo dei simboli di Excel. Suddividerò i simboli in vari gruppi, per facilitarne la comprensione, e mostrerò alcune loro applicazioni all’interno di formule.

Guarda il video: La Simbologia di Excel

Gruppo 1

Sono simboli che abbiamo già visto in passato perché di uso comune. L’unica eccezione potrebbe essere il simbolo “Diverso”, che è un po’ particolare.

simbolo excel

Gruppo 2

Questi simboli sono piuttosto intuitivi e comuni, molti gli abbiamo già visti in precedenza nella lezione sui calcoli su Excel e nella lezione sulla logica BODMAS, argomento trattato nel Corso Excel Base. Una piccola curiosità: la somma può essere utilizzata anche tramite la funzione omonima, piuttosto che con il simbolo.
Un’altra piccola menzione, stavolta per la percentuale: nelle ultime versioni, Excel riconosce automaticamente una percentuale e lo scrive nel formato omonimo. Cosa che non accade nelle vecchie versioni, dove le percentuali venivano convertite in formato testo.

simbolo excel 02

Gruppo 3

In questo caso dovrò spiegarti come funzionano alcuni simboli particolari.

simbolo excel 03

& (E) commerciale: questo simbolo, di fatto sostituisce la funzione concatena. Possiamo unire testi o numeri (di più celle) all’interno di un unica cella grazie a questo simbolo, che sarà trattato più avanti in una lezione apposita.

“Virgolette”: quando devi scrivere un testo all’interno di una formula, deve essere racchiuso tra le virgolette. Per alcune funzioni, ma è raro, tra le virgolette puoi anche inserire i criteri del tipo: “<>0”. Lo abbiamo visto come secondo esempio nella lezione sul simbolo del diverso.

Punto e virgola “;” : serve all’interno delle funzioni per delimitare i campi come: “valore”, “criterio” e altri. Se utilizzi una versione inglese e nel VBA, non dovrai usare il punto e virgola, ma semplicemente la virgola.

Dollaro: utile per bloccare le righe, o le colonne o entrambi (quindi la cella). Viene anche chiamato “valore assoluto” sarebbe più corretto dire “riferimento assoluto”. Le sue potenzialità saranno spiegate in una lezione dedicata.

Parentesi graffe: si tratta di un argomento avanzato, di cui ci occuperemo in una lezione differente. Quando le vedi vuol dire che la formula che hai davanti a te è una matrice (array).

La @

Un nuovo simbolo da poco introdotto è la @, se vuoi sapere come si usa clicca qui. In breve, nelle nuove versioni non puoi più sostituire i riferimenti di cella (di cella! non di colonna, di cella) del tipo: =A2 con: =A:A

Nelle nuove versioni, e solo nelle nuove versioni i riferimenti di cella che comprendono tutta la colonna si scrivono con la @, del tipo:

=@A:A

Per indicare ad Excel di prendere il valore relativo alla riga dove si trova la formula in colonna, in questo caso, A. Nelle vecchie versioni la chiocciolina non è richiesta. Nelle nuove versioni invece si.

Bada bene: la @ non va inserita per fare riferimenti di colonna, ma di cella. Quindi se vuoi fare la soma di tutta la colonna A, puoi usare la funzione:

=SOMMA(A:A)

Dove il simbolo della chiocciolina non ci va. Dato che non stai prendendo un valore in colonna A in corrispondenza con la riga dove è presente la formula, ma stai sommando tutti i valori presenti in colonna A.

La dicitura:

=SOMMA(@A:A)

è sbagliata! Significherebbe si prendere la somma di un (1) solo valore, ovvero quello presente in colonna A in corrispondenza della riga dove si trova la formula. In questo caso, non devi utilizzare la chiocciola (@).

Se hai una vecchia versione non devi preoccuparti di nulla.

Conclusioni

Abbiamo finito con i simboli, per ora. Più avanti nelle lezioni riusciremo a fare pratica con tutti loro. Non dimenticare di iscriverti alla newsletter se vuoi avere materiale in esclusiva. Ci vediamo alla prossima lezione, ciao!